Minister Lotti’s decree: The new distribution of TV rights for the football leagues has now become a reality.

The implementation of  the  so  called “Sport Package” included in the 2018 Budget Law (i.e. Decree n.. 205/17), the Minister of Sport, Mr Luca Lotti, signed the decree related to the  allocation of the proceeds coming from the sale of the audiovisual rights from the Championship Football Leagues. This is judged to be an epochal turning point for the Italian football.

IL FATTO:

A partire dalla stagione sportiva 2018-2019, ai sensi della Legge di Bilancio 2018, la redistribuzione delle risorse assicurate dalla commercializzazione dei diritti audiovisivi relativi al Campionato italiano di calcio di serie A, saranno ripartite con le seguenti modalità:

  1. una quota del 50% da dividere in parti uguali tra le società di calcio partecipanti al Campionato di Serie A;
  2. una quota del 30% sulla base dei risultati sportivi conseguiti, formata al 5% dalla quota dello storico, al 15 % dalla quota per i punti e la posizione in classifica ottenuti nell’ultimo campionato e 10 % dei risultati sportivi delle ultime cinque stagioni;
  • una quota del 20% sulla base del bacino di utenza: introdotti criteri più oggettivi e misurabili, quali l’audience televisiva certificata da Auditel (8%) ed il numero di spettatori paganti che hanno acquistato il titolo di accesso per assistere alle gare casalinghe disputate negli ultimi tre campionati (12%).

Si passa così a un nuovo regime nel quale il rapporto tra quanto ottiene la prima squadra e quanto l’ultima in classifica (cd. rapporto first to last) dovrebbe assestarsi attorno al 3:1, ovvero l’ultima  riceverà poco meno di un terzo della prima.

Il decreto attuativo firmato dal Ministro dello Sport e che a giorni sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale, contiene i criteri di ponderazione delle quote di cui al punto (ii) ed i criteri di determinazione del pubblico di riferimento di ciascuna squadra di cui al punto (iii).

PERCHE’ E’ IMPORTANTE:

Le misure introdotte costituiscono una vera e propria riforma della Legge Melandri (D.lgs. n. 9/08) e riducono il dislivello di guadagni tra grandi e piccoli Club, avvicinando così la Serie A italiana alla Premier League inglese, nonché, alla Bundesliga spagnola.

Inoltre, evidenziando l’importanza dei punti raccolti durante il Campionato, ogni partita potrà essere decisiva, perfino quella di fine stagione, storicamente irrilevante per le squadre ormai prive di obiettivi stagionali.

Tale iniziativa, infine, dovrebbe incentivare anche le squadre a sposare politiche per lo sviluppo ed atte a coinvolgere un maggior numero di partecipanti negli stadi.

Il Dipartimento di Diritto Sportivo dello Studio Legale Tonucci & Partners resta a completa disposizione per ulteriori informazioni.

Per non perderti le novità e gli approfondimenti di Tonucci & Partners, iscriviti alle nostre newsletter

I have read the Privacy Policy
and i authorized the treatment of my personal data
No Comments
Leave a Reply