Safety at work: in addition to the risk mapping, precautionary measures need to be identified.

By judgment no. 19030/2017, the 4th criminal division of Supreme Court has provided several guidelines on the assessment and the protections according to the Legislative Decree no. 80/2008 concerning health and safety at work.

The Court pointed out that “even if the risks have been correctly assessed but precautionary measures are still lacking, there is still a failure of the assessment, which includes not only the risk mapping and the risk analysis but also of the identification of the necessary precautionary measures to be implemented”.

IL FATTO

La Corte ha infatti chiarito che «ove i rischi siano stati tutti valutati ma ne sia scaturita una carente individuazione delle misure precauzionali, ancora può parlarsi di omissione della valutazione, perché essa non è costituita solo dal rilevamento e dall’analisi dei rischi ma anche dall’individuazione delle misure di prevenzione necessarie».

Gli Ermellini hanno così rigettato il ricorso presentato dal legale rappresentante di una società che, nei primi due gradi di giudizio, era stato giudicato responsabile per l’infortunio occorso ad un suo dipendente, chiamato ad operare un normale intervento di manutenzione su un macchinario. Quest’ultimo, premendo il tasto sbagliato, aveva attivato il meccanismo dell’impianto che lo aveva poi colpito alla mano, ferendolo.

Al datore di lavoro è stato rimproverato di avere omesso la valutazione del rischio relativo alla manutenzione e messa a punto della pressa, nonché di aver omesso di aggiornare le misure di prevenzione in relazione al grado di evoluzione della tecnica. Valutazioni che, se effettuate, avrebbero potuto evitare l’incidente.

A nulla è valso, per il ricorrente, sostenere di aver eseguito una valutazione dei rischi e delle misure preventive, le quali – pur non essendo non sufficienti – erano comunque state individuate.

La Cassazione ha infatti precisato che, anche se sul piano concettuale la totale omissione della valutazione è una cosa diversa rispetto all’aver compiuto l’esame solo di alcuni rischi, la normativa prevenzionistica pone a carico del datore di lavoro l’obbligo giuridico di analizzare e individuare tutti i fattori di pericolo concretamente presenti all’interno dell’azienda e di presidiarli adeguatamente.

L’incompleta valutazione, pertanto, determina una deviazione dagli obblighi imposti al datore di lavoro, che vale ad integrare l’omissione giuridicamente rilevante.

PERCHÈ È IMPORTANTE

La giurisprudenza è dunque rigorosa nel pretendere che a scriminare la responsabilità  datoriale negli infortuni sul lavoro non sia sufficiente la mera valutazione del rischio, ma è necessario altresì adottare le misure di prevenzione che al passo con l’evoluzione della tecnica contribuiscano in concreto a evitare l’incidente o le sue conseguenze in danno del lavoratore.

Si ricorda che la responsabilità datoriale non è solo risarcitoria ma può dar luogo a sanzioni anche ai sensi del D. Lgs. 231/01 a carico dell’azienda.

Tonucci & Partners è attivo nel fornire assistenza per i sistemi di compliance anche in tema si Salute e Sicurezza sui luoghi di lavoro.

Per non perderti le novità e gli approfondimenti di Tonucci & Partners, iscriviti alle nostre newsletter

    I have read the Privacy Policy
    and i authorized the treatment of my personal data
    No Comments
    Leave a Reply