Slow worker in work execution. For the judges of the Supreme Court dismissal is legitimate.

For the judges of the Supreme Court also the slowness at work, where unjustified, is indicative of voluntary negligence of the worker who, if manifested in a continuous manner, becomes punishable with the termination of the working relationship. With this, by establishing that there is a minimum of productivity under which work is no longer such. In these cases, the employer can fire the employee.

I FATTI: 

La vicenda sulla quale la Cassazione ha avuto modo di esprimersi riguarda il licenziamento di un dipendente di un’azienda operativa nel settore delle energie alternative che avrebbe impiegato più di tre ore e mezza di tempo per eseguire una lavorazione che, secondo la stessa azienda, “un operaio con esperienza analoga avrebbe eseguito in poco più di mezz’ora“.

La decisione della società era stata valutata legittima dai Giudici del Tribunale prima e della Corte d’Appello poi, fino ad ottenere il vaglio anche della Suprema Corte che, nel confermare il licenziamento, ha respinto l’ipotesi di un controllo eccessivo da parte della azienda sul dipendente. In particolare, i Giudici hanno affermato la legittimità dell’azienda a installare impianti ed apparecchiature di controllo poste per esigenze organizzative e produttive o a tutela del patrimonio aziendale.

Per giustificare la sanzione disciplinare in questione l’azienda aveva, inoltre, fatto riferimento a tre precedenti sanzioni disciplinari di sospensione applicate al dipendente a riprova della sua recidiva negligenza. A tal proposito la Corte, ritenendo legittimi i provvedimenti, ha condiviso le ragioni dell’azienda che ha dato rilevanza a tale comportamento negligente recidivo.

PERCHE’ E’ IMPORTANTE:

Per i giudici della Suprema Corte anche la lentezza sul lavoro, laddove ingiustificata, è indice di negligenza volontaria del lavoratore la quale, se manifestata in maniera continua, diviene sanzionabile con la cessazione del rapporto lavorativo. Con ciò stabilendo che esiste un minimo di produttività sotto il quale il lavoro non è più tale. In questi casi, il datore di lavoro può licenziare.

Per non perderti le novità e gli approfondimenti di Tonucci & Partners, iscriviti alle nostre newsletter

    I have read the Privacy Policy
    and i authorized the treatment of my personal data
    No Comments
    Leave a Reply