Il nuovo Art. 4 dello Statuto dei lavoratori

website wireframe sketch and programming code on digital tabletL’art. 23 del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 151 conferma l’annunciata modifica dell’articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori sui controlli a distanza introducendo una disciplina totalmente nuova per gli strumenti di lavoro e per la registrazione di accessi e presenze e confermando, nella sostanza, la regolamentazione in materia di impianti audiovisivi.

IL FATTO:

L’articolo 23 del decreto recante Disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese e altre disposizioni in materia di rapporto di lavoro e pari opportunità, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183, pubblicato in GU n.221 del 23-9-2015 – Suppl. Ordinario n. 53, , modifica interamente l’art. 4 dello Statuto dei  Lavoratori sui controlli a distanza. Si introduce, sotto un profilo procedurale, una nuova disciplina sugli impianti audiovisivi e su tutti quegli strumenti che, anche in via preterintenzionale, possono controllare l’attività del lavoratore. Sono invece oggi esclusi dal controllo sindacale o amministrativo gli strumenti di lavoro e quelli per il controllo di accessi e presenze.

Secondo il nuovo art. 4 dello Statuto dei lavoratori, gli impianti audiovisivi e gli strumenti di controllo a distanza sono possibili solo in presenza di:

–              esigenze organizzative e produttive;

–              sicurezza del lavoro;

–              tutela del patrimonio aziendale.

L’installazione di tali strumenti, giustificate dalle predette esigenze, è possibile solo previo accordo con le RSU o, in mancanza, con le RSA.

Per  le realtà produttive dislocate su più territori si possono ora stipulare accordi ad hoc con le associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

In mancanza di accordo, gli impianti o gli strumenti di controllo possono essere installati previa autorizzazione della Direzione Territoriale del Lavoro o, in alternativa, nel caso di imprese con unità produttive dislocate negli ambiti di competenza di più direzioni territoriali del lavoro, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Il Legislatore tende quindi a cristallizzare, anche con l’espresso riferimento al patrimonio aziendale, istanze e necessità già consolidate in giurisprudenza per l’installazione di impianti audiovisivi e di controllo.

Non solo: lo stesso Legislatore, con particolare riferimento alle imprese dislocate in più unità produttive, offre la possibilità di un percorso sindacale ed amministrativo diverso da quello troppo rigido, attualmente previsto.

Il precedente testo dell’art. 4 prevedeva infatti che il consenso all’installazione degli impianti o degli strumenti di controllo possa essere dato solo dalle rappresentanze del luogo di lavoro interessato da tale installazione o dalla DTL territorialmente competente.

La vera novità è, tuttavia, contenuta nel secondo comma dell’art. 4 dello Statuto, che esclude ora dal novero della sua disciplina generale gli strumenti utili per la prestazione lavorativa (ad es. telefono, computer, tablet, etc.) e quelli per registrare l’accesso o le presenze del lavoratore (ad es. badge). I controlli su tali strumenti possono essere legittimamente effettuati senza esperire alcuna procedura autorizzatoria.

In merito si ricorda che il Ministero del Lavoro ha precisato che qualora il datore di lavoro apporti a detti strumenti modifiche finalizzate al controllo del lavoratore (ad esempio, aggiunta di appositi software di localizzazione o filtraggio), “si fuoriesce dall’ambito della disposizione: in tal caso, infatti, da strumento che “serve” al lavoratore per rendere la prestazione il pc, il tablet o il cellulare divengono strumenti che servono al datore per controllarne la prestazione” (Ministero del Lavoro, nota del 18 giugno 2015).

È importante sottolineare che in ogni caso l’utilizzo degli strumenti, cosi come il trattamento dei relativi dati, dovrà essere conforme ai principi di liceità, necessità, proporzionalità, e deve avvenire previa “adeguata informazione delle modalità d’uso degli strumenti e di effettuazione dei controlli” nel rispetto delle prescrizioni del Garante per la protezione dei dati personali. Sono così confermate le dettagliate prescrizioni già adottate dall’autorità Garante con le Linee Guida per l’utilizzo di posta elettronica ed internet nei luoghi di lavoro del 5 marzo 2007, pena l’inutilizzabilità, anche a fini disciplinari, dei dati raccolti.

PERCHE’ E’ IMPORTANTE:

Il Legislatore ha il merito di avere preso atto della distinzione radicale tra mere apparecchiature di controllo, ammesse solo per esigenze organizzative/di tutela aziendale previa autorizzazione sindacale o amministrativa, e strumenti di lavoro, sottratti in toto alla disciplina generale (presupposti e regime autorizzatorio) introducendo una disciplina più flessibile e  soprattutto più attuale.

Per non perderti le novità e gli approfondimenti di Tonucci & Partners, iscriviti alle nostre newsletter

    I have read the Privacy Policy
    and i authorized the treatment of my personal data
    No Comments
    Leave a Reply