Tonucci News
19.03.2018

L’acquisto di un immobile in bitcoin comporta la segnalazione antiriciclaggio.

Il Consiglio Nazionale del Notariato, nella risposta al quesito antiriciclaggio n. 3-2018/B, ha precisato che pagare in bitcoin o altra criptovaluta l’acquisto di un immobile è un’operazione sospetta che il notaio deve segnalare secondo la normativa antiriciclaggio.

IL FATTO
È vero che le operazioni in bitcoin, o in altre criptovalute, sono tracciabili in senso informatico. Tuttavia, i sistemi di accesso informatici, senza eccezioni, non si fondano sul concetto di identificazione, ma sulla mera verifica di credenziali informatiche e in questo sta la differenza con la normativa antiriciclaggio: il sistema informatico, che riconosce pin, password e altre credenziali, non può mai garantire l’identità reale del soggetto che effettua un accesso.

La sicurezza tecnologica dell’operazione garantita dal “sistema blockchain” è altro rispetto al problema della certezza del traffico giuridico, che fa riferimento all’identità delle parti.

L’intrinseca segretezza delle operazioni in bitcoin risulta incompatibile con gli obiettivi della trasparenza propri della disciplina antiriciclaggio.
Si suggerisce, quindi, al notaio di valutare l’opportunità di procedere ad effettuare una segnalazione di operazione sospetta di riciclaggio, peraltro, con una risposta formulata allo stato dell’arte, dal momento che è il legislatore a dover sciogliere i nodi dei diversi problemi.

PERCHÈ È IMPORTANTE

Il Consiglio del Notariato opta dunque per un orientamento rigoroso fondato sull’impossibilità tecnica di un accertamento della reale identità dell’investitore e così, da un lato, tutela i professionisti da possibili sanzioni per interpretazioni discordanti, dall’altro, in effetti la moneta virtuale inizia ad essere attenzionata dalle Autorità finanziarie in quanto strumento che potrebbe essere agevolmente utilizzato dalle associazioni criminali. Probabilmente anche la moneta virtuale potrebbe arrivare a un’evoluzione tecnica che consenta l’univoca identificazione della sua provenienza e di chi ne ha la reale disponibilità per divenire in un futuro prossimo anche strumento di pagamento per le transazioni più comuni.

27.07.2018
press

Tonucci & Partners con il Venezia Football Club per il progetto del nuovo stadio.

Alessandro VastaGianluca CambareriAlberto FantiniFrancesco AngeliniCarmine Bruno
FONTE: Corriere del Veneto, Il Gazzettino Venezia Mestre, La Nuova di Venezia e Mestre, Tutto Sport, Diritto24, TopLegal, Legalcommunity
Presentato il 24 luglio scorso al Comune di Venezia lo Studio di fattibilità per il nuovo impianto che sorgerà nel [...]