Tonucci News
6.06.2016

La put a prezzo fisso è una way out sicura?

Nelle operazioni di private equity ed in genere di acquisizioni societarie, gli investitori hanno interesse a garantirsi una way out sicura e spesso utilizzano clausole di opzione di vendita (put) ad un prezzo predeterminato, che consentono quanto meno il recupero dell’investimento iniziale. In taluni casi è stata posta in discussione la validità di simili clausole alla luce di prevalenti principi dell’ordinamento, quale il divieto del patto leonino.

IL FATTO:

Nella prassi delle operazioni di investimento di private equity la clausola di opzione di vendita a prezzo fisso è uno strumento ricorrente, destinato a garantire all’investitore (massimamente se si tratta di  soggetti di natura finanziaria) un recupero dell’investimento, attraverso un meccanismo unilaterale di vendita all’altro socio delle partecipazioni detenute.

In taluni casi è stata posta in dubbio la legittimità di un simile meccanismo negoziale, che – in astratto – può escludere il socio beneficiario dalla partecipazione alle perdite della società (con ciò incorrendo nella violazione del noto principio del divieto del patto leonino di cui all’art. 2265 c.c.) e conseguentemente deresponsabilizzarlo dall’esercizio prudente della società.

In effetti, la questione si è posta all’attenzione dei giudici italiani, che peraltro hanno tentato di trovare una soluzione idonea a salvaguardare la volontà delle parti anche a dispetto del principio ora indicato, concentrando l’attenzione sull’analisi caso per caso dell’opzione put sottoposta alla loro valutazione.

In questo ambito, tra gli indici utilizzati per valutare la legittimità di un’opzione put a prezzo fisso si è preso in considerazione, tra le altre cose, il fatto che l’opzione prevedesse una scadenza determinata, e/o che il prezzo non fosse pari al totale dell’investimento iniziale, e/o che il socio beneficiario dell’opzione non disponesse di poteri gestori (tra le altre, Trib. Milano 13.9.2011, 9.2.2012; 3.10.2013 n. 12213).

PERCHE’ E’ IMPORTANTE:

L’opzione put a prezzo fisso è uno strumento che può avere importanza negoziale e strategica rilevante per un investitore ma anche per chi è il beneficiario dell’investimento. Si tratta tuttavia di un meccanismo negoziale che deve essere valutato con attenzione anche dal punto di vista giuridico, al fine di evitare di dover gestire un contenzioso nel momento delicato della fase di exit da un investimento.

18.02.2019
press

Tonucci & Partners vince al Tar Reggio Calabria, che condanna la P.A. a pagare Euro 400.000 per “danno da ritardo”.

Piergiorgio della Porta RodianiFrancesco Angelini
Tonucci & Partners, con i soci Piergiorgio della Porta Rodiani e Francesco Angelini, ha assistito il Consorzio Nazionale Piattaforme Riciclaggio [...]