Tonucci News
15.01.2018

PMI: costi di consulenza relativi alla quotazione nella legge di bilancio 2018.

La legge di bilancio 2018 prevede il riconoscimento di un credito d’imposta per i costi di consulenza sostenuti dalle PMI che iniziano una procedura di ammissione alla quotazione in borsa:

– pari al 50% dei costi di consulenza;

– fino ad un massimo di 500.000,00 euro.

Sotto il profilo soggettivo, possono beneficiare dell’agevolazione le PMI (secondo la definizione della raccomandazione 6.5.2003 n. 2003/361/CE), che iniziano una procedura di ammissione alla quotazione in un mercato regolamentato o in sistemi multilaterali di negoziazione di uno Stato membro dell’Unione europea o dello Spazio economico europeo.

Per quanto riguarda l’ambito oggettivo, possono rientrare nell’agevolazione:

– i costi sostenuti per la consulenza per l’ammissione alla quotazione delle PMI;

– sostenuti fino al 31 dicembre 2020 (potranno, pertanto, essere agevolabili le spese di consulenza sostenute dal 2018 al 2020).

PERCHÈ È IMPORTANTE

La misura mira a favorire l’ingresso anche delle PMI nei mercati regolamentati.

17.09.2018
press

Ripresa smart per gli studi – Studi legali, a settembre una ripartenza al fulmicotone.

Stefano Lucarini
FONTE: ItaliaOggi
La seconda parte dell’anno per gli studi legali italiani sarà dedicata alla chiusura dei deals e ad affrontare le sfide [...]