tonucci news
7.04.2017

Calzature. Pronuncia della Corte di Cassazione in tema di marchio debole e marchio forte

La banda ondulata delle calzature Puma é un marchio debole, cosicché sono sufficienti ad escluderne la confondibilità anche lievi modificazioni o aggiunte.

IL FATTO

La vicenda giudiziaria ha avuto inizio ancora nei primi anni 2000, con un procedimento cautelare avviato a Torino, da Puma (precisamente da Puma AG Rudolf Dassler Sport e Puma Italia S.r.l.) nei confronti dell’azienda padovana Simod, e con un giudizio ordinario avviato a Padova, nel 2002, da Simod contro Puma.

Il procedimento cautelare si concludeva con la revoca del decreto, che era stato emesso inaudita altera parte, per incompetenza territoriale del giudice adito.

Venendo al giudizio patavino, in esso Simod, in tale sede assistita anche da Tonucci & Partners, chiedeva al Tribunale di: (i) accertare l’insussistenza della contraffazione da parte sua della frazione italiana del marchio figurativo internazionale registrato da Puma e costituito da una banda ondulata (ossia la banda ondulata che si trova apposta ai lati delle tomaie della calzature Puma); (ii) accertare incidentalmente la nullità della porzione italiana di detto marchio; (iii) accertare l’insussistenza di alcuna condotta di concorrenza sleale. Puma, invece, chiedeva l’accertamento della contraffazione del proprio marchio e del compimento di atti di concorrenza sleale, con condanna di Simod a porre fine alla denunziata condotta illecita e al risarcimento dei danni.

Nell’aprile 2008, il Tribunale di Padova pronunziava sentenza con cui accertava la validità del marchio di Puma, ma escludeva sia la contraffazione che la concorrenza sleale.

La sentenza veniva impugnata da Puma avanti la Corte d’Appello di Venezia, la quale, al termine del giudizio di secondo grado, confermava la sentenza del Tribunale.

In particolare, la contraffazione veniva esclusa sulla base della valutazione per cui:

  1. a) il marchio Puma é un marchio debole. Mentre per marchio forte – precisa la Corte – deve intendersi quello frutto di pura fantasia e senza aderenze concettuali con i prodotti contraddistinti, una siffatta mancanza di aderenza concettuale non può sostenersi per la banda ondulata costituente oggetto del marchio Puma, che – come per analoghi segni apposti sulla maggior parte delle scarpe sportive in commercio – assolve da un lato ad una funzione estetica di accompagnare la forma della scarpa e dall’altro alla funzione tecnica di contribuire al rafforzamento della tomaia;
  2. b) trattandosi di un marchio debole, le differenze introdotte da Simod sono sufficienti a escludere la confondibilità dei prodotti. Infatti, il marchio registrato – continua la Corte – mostra un’unica banda (sia pur suddivisa in tre parti dalle cuciture) compatta, mentre, nelle scarpe prodotte da Simod, la banda risulta svuotata (mediante ritaglio) nella parte centrale, così assumendo diversa conformazione.

Puma, allora, impugnava la sentenza di secondo grado con ricorso per Cassazione, articolato secondo una pluralità di motivi.

Con sentenza n. 6551 depositata il 14.3.2017, la Corte di Cassazione Civile ha rigettato il ricorso, non ritenendo degno di accoglimento alcuno dei motivi.

In particolare, é stata così confermata l’esclusione della contraffazione, precisando la Suprema Corte: (i) quanto alla anch’essa confermata valutazione di debolezza del marchio, come la funzione estetica svolta dal segno in questione nell’accompagnare la forma del prodotto vada letta in chiave di collegamento descrittivo con il prodotto, di talché ne risulta affievolita la capacità distintiva (nella misura in cui lascia trasparire quale prodotto contraddistingua); (ii) quanto alla tutela del marchio debole, che sono sufficienti ad escluderne la confondibilità anche lievi modificazioni o aggiunte.

Si segnala, infine, come la Suprema Corte abbia ritenuto questione nuova, di cui quindi era precluso l’esame, quella del cd. secondary meaning (ossia l’uso intenso di un segno tale per cui in virtù di esso un marchio originariamente debole può divenire forte).

PERCHE’ E’ IMPORTANTE:

La sentenza in commento è di interesse perché, nel rimarcare la differenza di tutela assicurata a marchi forti e a marchi deboli, rimarca come sia importante che un’azienda, quando decide di adottare un segno distintivo, si indirizzi fin da subito verso un marchio forte, ossia un segno frutto di pura fantasia e senza aderenze concettuali con i prodotti contraddistinti. L’ideazione e l’adozione di un marchio forte richiedono in genere più sforzi e impegno, ma assicurano, poi, una miglior tutela. Spesso, infatti, accade che ci si orienti verso marchi che richiamano i prodotti che si vogliono contraddistinguere, senza considerare appieno come siffatti marchi siano deboli (se non a volte addirittura nulli perché semplicemente descrittivi dei prodotti) e come, quindi, sia sufficiente ai concorrenti apportare poche modifiche per scongiurare di ricadere nella contraffazione.

14.07.2017
firm news

Il socio di capitale.

Mario Tonucci
FONTE: MAG
Intervista su MAG by Legalcommunity a Mario Tonucci: “Il socio di capitale? [...]
20.11.2017
press

Lo studio-azienda è sempre più realtà: gestione ai Coo.

Stefano Lucarini
FONTE: Italia Oggo
Tonucci & Partners, con il Socio Stefano Lucarini, interviene al Forum di ItaliaOggi sulla figura dello Chief Operating Officer negli [...]